Cineforum

Nemiche per la pelle

Nemiche per la pelle

Lucia esercita l’insolita professione di psicologa per animali, ama uno stile di vita naturale, è colta e sensibile, ma bloccata nei rapporti sociali da timori e ansie. All’opposto, Fabiola è la rampante e aggressiva dirigente di una società immobiliare.

Trama

31/01/2017 – di Luca Lucini. Con Margherita Buy, Claudia Gerini, Giampaolo Morelli, Paolo Calabresi – Commedia - durata 92 min. - Italia 2016.

Lucia esercita l’insolita professione di psicologa per animali, ama uno stile di vita naturale, è colta e sensibile, ma bloccata nei rapporti sociali da timori e ansie. All’opposto, Fabiola è la rampante e aggressiva dirigente di una società immobiliare. Una donna in carriera, decisionista e spietata con i suoi collaboratori. Due tipi agli antipodi, sinistra e destra per semplificare, ma accomunate dal fatto di essere state sposate con lo stesso uomo, l’architetto Paolo. E all’improvvisa morte di Paolo, l’ex consorte Lucia e l’attuale moglie Fabiola saranno costrette a incontrarsi, non solo per il funerale. Infatti, c’è una ‘eredità’ che le aspetta: il piccolo Paolino, bambino per metà cinese che Paolo ha segretamente avuto da una terza relazione.

Commedia sofisticata al femminile, sullo scontro di caratteri delle protagoniste, “Nemiche per la pelle” si discosta dal cinema commerciale mainstream per il garbo e l’intelligenza dello script. Pur utilizzando categorie narrative molto frequentate negli ultimi tempi, dalla figura dello psicanalista alle dinamiche familiari controverse, il film di Luca Lucini aggiunge un tocco di eleganza e di sottile analisi socioeconomica che ne innalzano il valore. Tra le righe dell’acerrima rivalità tra le due vedove si può anche leggere, infatti, un tentativo di interpretazione del cambiamento della società italiana. L’ascesa del potere femminile nei rapporti interpersonali, con la pacata Lucia che nega al nuovo fidanzato, artista bohémien, di installarsi a casa sua, e l’agguerrita Fabiola che umilia i sottoposti. La nascita di una società multietnica, dove agli italiani si affiancano, oltre al piccolo co-protagonista cinese, altri personaggi di origine orientale, dai domestici ai ricchi investitori immobiliari.

Ovviamente le apparenze a volte ingannano, e nessuno è fino in fondo quello che appare. E nel duello tra il bene, incarnato dal personaggio di Lucia (Margherita Buy), e il male, una scatenata Claudia Gerini nel ruolo di Fabiola, risulta più affascinante e convincente la seconda. E pur in un contesto patinato e irreale, “Nemiche per la pelle” riesce ad esprimere il disagio e la malinconia del vivere contemporaneo, senza rinunciare al divertimento e a una riflessione critica sulla nuova Italia del terzo millennio.